GIACOMO CUSMANO

Ricordi del Beato Giacomo Cusmano in occasione del Giubileo Cusmaniano

15 marzo 1834 Nasce a Palermo
8 luglio 1837 Perde la madre a causa del colera
1841-1851 Frequenta il collegio Massimo sotto la direzione dei gesuiti
12 aprile 1850 Tenta di fuggire per farsi missionario
27 luglio 1852 Perde il padre e prende su di sé la direzione della famiglia
11 giugno 1855 Si laurea in medicina
22 dicembre 1860 Viene ordinato sacerdote
12 maggio 1867 Fonda l’associazione del Boccone del Povero
24 luglio 1868 Papa Pio IX benedice la sua opera
25 dicembre 1869 Inaugura la prima Casa dei poveri, nella chiesa dei SS. Quaranta Martiri
1837 Lascia la chiesa dei Quaranta Martiri e si trasferisce a San Marco
Luglio del 1878 Durante una crisi sogna che la Vergine Maria benedice la sua opera
23 maggio 1880 Dà vita alla comunità religiosa delle Serve dei Poveri
Febbraio del 1881 Il sindaco gli offre la Quinta Casa al Molo
5 gennaio 1882 Gli viene affidata la direzione della prima Casa dei poveri fuori Palermo, ad Agrigento
1º maggio 1882 Apre un grande orfanotrofio in contrada Terre Rosse
Estate del 1882 Fonda una Casa per i poveri a Valguarnera
25 dicembre 1883 Fonda una Casa per i poveri a Monreale
Maggio 1885 Visita a Messina e incontro con Annibale Maria Di Francia
4 ottobre 1884 Dà vita alla comunità religiosa dei Frati Servi dei Poveri
18 giugno 1885 Fondata una comunità di Serve dei Poveri a Santa Caterina
Estate del 1885 Cura gli infetti dal colera a Palermo
Aprile 1886 Fonda una colonia agricola a San Giuseppe Jato
21 novembre 1887 Viene istituito l’ordine dei Sacerdoti Missionari Servi dei Poveri
8 febbraio 1888 Fonda l’Associazione delle Dame di Carità
14 marzo 1888 Muore a 54 anni
30 ottobre 1983 Viene proclamato beato da Giovanni Paolo

All’ombra di Trilussa

Mentre me leggo er solito giornale
spaparacchiato all’ombra d’un pajar
o vedo un porco e je dico: – Addio, majale! –
vedo un ciuccio e je dico: – Addio, somaro! –

Forse ‘ste bestie nun me capiranno,
ma provo armeno la soddisfazzione
de potè di’ le cose come stanno
senza paura de finì in priggione.

trilussa

Buon Anno Buona Fortuna

…Buon Anno a chi e’ felice nella vita

Buon Anno alla spigliata gioventu’
un’altra primavera
e’ gia’ sfiorita
Buon Anno a chi vent’anni non ha piu’


A chi sognando insegue una chimera
A chi nel cuor
non ha speranza alcuna
la vita e’ bella e ancor ti dice spera.


Buon Anno Buona Fortuna
Che l’aurora splende divina
col sorriso del sol dor
che ogni rosa sia senza spine
e nel cuore regni l’amor.


Buon Anno a chi e’ felice
nella vita
Buon Anno a chi la casa piu’ non ha
per ogni cuor ed anima smarrita
domani piu’ bel sole splendera’.


Buon Anno ai bimbi che non han nessuno
li baciera’ dal ciel la mamma luna
noi li stringiamo al cuor ad uno ad uno
Buon Anno Buona Fortuna…

(1957 di Cesare Andrea Bixio su versi di Cherubini)h

Buon anno in tutte le lingue del mondo…o quasi

 

ALBANIAN Gëzuar vitin e ri

ALSATIAN e glëckliches nëies / güets nëies johr

ARABIC aam saiid / sana saiida

ARMENIAN shnorhavor nor tari

AZERI yeni iliniz mubarek

AFRIKAANS gelukkige nuwejaar

BAMBARA bonne année

BASQUE urte berri on

BELARUSIAN З новым годам (Z novym hodam)

BENGALI subho nababarsho

BERBER asgwas amegas

BETI mbembe mbu

BOBO bonne année

BOSNIAN sretna nova godina

BRETON bloavez mad

BULGARIAN честита нова година (chestita nova godina)

BIRMAN hnit thit ku mingalar pa

CANTONESE kung hé fat tsoi

CATALAN feliç any nou

CHINESE xin nièn kuai le / xin nièn hao

CORSICAN pace e salute

CROAT sretna nova godina

CZECH šťastný nový rok

DANISH godt nytår

DUTCH gelukkig Nieuwjaar

ESPERANTO felicxan novan jaron feliæan novan jaron (Times SudEuro font)

ESTONIAN head uut aastat

FAROESE gott nýggjár

FINNISH onnellista uutta vuotta

FLEMISH gelukkig Nieuwjaar

FRENCH bonne année

FRIULAN bon an

GALICIAN feliz aninovo

GEORGIAN gilotsavt aral tsels

GERMAN ein gutes neues Jahr / prost Neujahr

GREEK kali chronia / kali xronia eutichismenos o kainourgios chronos

GUARANÍ rogüerohory año nuévo-re

HAITIAN CREOLE bònn ané

HAWAIIAN hauoli makahiki hou

HEBREW shana tova

HINDI nav varsh ki subhkamna

KANNADA hosa varshada shubhaashayagalu

KHMER sur sdei chhnam thmei

KIRUNDI umwaka mwiza

KOREAN seh heh bok mani bat uh seyo

KURDE sala we ya nû pîroz be

HUNGARIAN boldog új évet

ICELANDIC farsælt komandi ár

INDONESIAN selamat tahun baru

ITALIANO  buon anno, felice anno

IRISH GAELIC ath bhliain faoi mhaise

JAPANESE akemashite omedetô

KABYLIAN asseguèsse-ameguèsse

NORWEGIAN godt nytt år

MACEDONIAN srekna nova godina

MALAGASY arahaba tratry ny taona

MALAY selamat tahun baru

MALTESE sena gdida mimlija risq

MAORI kia hari te tau hou

MONGOLIAN shine jiliin bayariin mend hurgeye  (Шинэ жилийн баярын мэнд хvргэе)

MORÉ wênd na kô-d yuum-songo

LAO sabai di pi mai

LATIN felix sit annus novus

LATVIAN laimīgo Jauno gadu

LINGALA bonana / mbula ya sika elamu na tonbeli yo

LITHUANIAN laimingų Naujųjų Metų

LOW SAXON gelükkig nyjaar

LUXEMBOURGEOIS e gudd neit Joër

OCCITAN bon annada

PERSIAN sâle no mobârak

POLISH szczęśliwego nowego roku

PORTUGUESE feliz ano novo

ROMANI bangi vasilica baxt

ROMANIAN un an nou fericit / la mulţi ani

RUSSIAN С Новым Годом (S novim godom)

SAMOAN ia manuia le tausaga fou

SANGO nzoni fini ngou

SOBOTA dobir leto

SPANISH feliz año nuevo

SWAHILI mwaka mzuri

SWEDISH gott nytt år

SWISS-GERMAN äs guets Nöis

SARDINIAN bonu annu nou

SCOTTISH GAELIC bliadhna mhath ur

SERBIAN srecna nova godina

SHONA goredzwa rakanaka

SINDHI nain saal joon wadhayoon

SLOVAK stastlivy novy rok

SLOVENIAN srečno novo leto

TAMIL iniya puthandu nalVazhthukkal

TATAR yana yel belen

TELUGU nuthana samvathsara subhakankshalu

TAGALOG manigong bagong taon

TAHITIAN ia ora te matahiti api

THAI (sawatdii pimaï)

TIBETAN tashi délek

TURKISH yeni yiliniz kutlu olsun

UDMURT Vyľ Aren

UKRAINIAN Z novym rokom

URDU naya saal mubarik

WALOON (“betchfessîs” spelling) bone annéye / bone annéye èt bone santéye

WELSH blwyddyn newydd dda

WEST INDIAN CREOLE bon lanné

YIDDISH a gut yohr

VIETNAMESE Chúc Mừng Nam Mới / Cung Chúc Tân Niên / Cung Chúc Tân Xuân

x

Buon Natale in tutte le lingue del mondo..o quasi

Albanese:Gezur Krislinjden
Arabo: Idah Saidan Wa Sanah Jadidah
Basco: Zorionak eta Urte Berri On
Boemo: Vesele Vanoce
Bretone: Nedeleg laouen na bloavezh mat
Catalano: Bon Nadal i un Bon Any Nou
Ceco: Prejeme Vam Vesele Vanoce a stastny Novy Rok
Cinese (Cantonese): Gun Tso Sun Tan’Gung Haw Sun
Cinese (Mandarino): Kung His Hsin Nien bing Chu Shen Tan
Cingalese: Subha nath thalak Vewa. 
Coreano: Sung Tan Chuk Ha
Croato: Sretan Bozic
Danese: Glædelig Jul
Estone: Ruumsaid juuluphi
Fiammingo: Zalig Kerstfeest en Gelukkig nieuw jaar
Filippino: Maligayan Pasko
Finlandese: Hyvaa joulua
Francese: Joyeux Noel
Gallese: Nadolig Llawen
Giapponese: Shinnen omedeto. Kurisumasu Omedeto
Greco: Kala Christouyenna
Indonesiano: Selamat Hari Natal
Inglese: Merry Christmas
Islandese: Gledileg Jol
Lituano: Linksmu Kaledu
Macedone: Sreken Bozhik
Maltese: LL Milied Lt-tajjeb
Norvegese: God Jul, or Gledelig Jul
Occitano: Pulit nadal e bona annado
Olandese: Vrolijk Kerstfeest en een Gelukkig Nieuwjaar!
Polacco: Wesolych Swiat Bozego Narodzenia
Portoghese (Brasile): Boas Festas e Feliz Ano Novo
Portoghese: Feliz Natal
Rumeno: Sarbatori vesele
Russo: Pozdrevlyayu s prazdnikom Rozhdestva
is Novim Godom
Sardo: Bonu nadale e prosperu annu nou
Serbo: Hristos se rodi
Slovacco: Sretan Bozic oppure Vesele vianoce
Sloveno: Vesele Bozicne. Screcno Novo Leto
Spagnolo: Feliz Navidad
Svedese: God Jul and (Och) Ett Gott Nytt År
Tailandese: Sawadee Pee Mai
Tedesco: Fröhliche Weihnachten
Turco: Noeliniz Ve Yeni Yiliniz Kutlu Olsun
Ucraino: Srozhdestvom Kristovym
Ungherese: Kellemes Karacsonyi unnepeket
Vietnamita: Chung Mung Giang Sinhh

Palle di Natale (Smile! It’s Christams)

Natale ha senso se tu sei con me
la festa è pronta e sai che c’è
che non mi perdo neanche un attimo
se siamo qui e non è un film
niente può dividerci

E’ un’occasione per rinascere
qualcosa che ti cambierà
e questa voglia di sorridere
che non mi passa, è un sogno in tasca
è l’universo in una stanza

In spite of everything it’s Christmas Day
(a very Merry Christmas)
my heart is full of joy and wishes
(all I want for you)
is happiness
and the little things that make you laugh
all I want for Christmas is your smile!

Natale insieme con chi resterà
accanto a me, nell’anima
la nostra stella che ci illumina
sarai tu la mia risposta, ricomincio con più forza

In spite of everything it’s Christmas Day
(a very Merry Christmas)
my heart is full of joy and wishes
(all I want for you)
is happiness
and the little things that make you laugh
all I want for Christmas is your smile!

“Il ragazzo della stanza 13 pensa
Che le feste sono vicine e sua madre riempire la dispensa
E riflette sul regalo che già si trova davanti
Chiuso com’è nella scatola dei desideranti.
Vorrebbe la normalità di ogni anno, la consuetudine
Ma si tratta di un giudice che condanna all’abitudine
La vera norma è la forma che diamo noi, nessuno dorma d’ora in poi,
perché partono le musiche.
Passami il tubo della flebo per fare gli addobbi,
le lucine non servono bastano i tuoi occhi
che illuminati di speranze illuminano le stanze
e nei globuli bianchi vedono la neve a fiocchi.
Dunque il ragazzo scarta il nastro di cerotti e bende
Altrimenti poi il Natale chi ce lo difende!
Dentro la scatola un biglietto che invita a recarsi dagli amici in sala
d’affetto e infine lascia detto:
‘Ci vediamo in pediatria e condividiamo la magia’
Firmato l’Istituto del Natale, speciale”

In spite of everything it’s Christmas Day
(a very Merry Christmas)
my heart is full of joy and wishes
In spite of everything it’s Christmas Day
(a very merry Christmas)
my heart is full of joy and wishes
(all I want for you)
is happiness
and the little things that make you laugh
all I want is Christmas… and Christmas is your smile!

ER NATALE ROMANO

“Ebbene sì, stanno pe’ arrivà le feste de Natale… So’ tutti contenti, so’ tutti felici… so’ tutti più bòni… Invece a me me rode er chiccherone  e divento ancora più inzopportabile, si è possibile.
A Natale te se riempie casa de parenti, zii, zie, cugini, cugine, nipoti, nonni, pro-zii, pro-zie, de tutto, tutta gente che vedi solo pe’ du’ motivi: le feste o i funerali. Tocca mettese i cartellini sul petto pe’ ricordasse i nomi.
Insomma se comincia er 24, dalla mattina appena me arzo, mi’ madre parte co’ la tiritera… scenno, manco me siedo pe’ fa’ colazione che parte la lagna… “Ricordati che er 24 è Vigilia, quindi er 24, PESCE…”, me la guardo ancora nel sonno e je dico “A ma’, stò a fa’ colazione, posso magnà li biscotti o nel latte ce devo inzuppà la spigola?”.
Insomma, a casa ce stà ‘n’armata de affamati, gente che pare che nun magna da ‘na vita, aspetteno er Natale cor veleno, da metà Novembre stanno a insalatine pe’ non rovinasse l’appetito. Insomma, ormai a casa mia non fanno più ‘a spesa ar dettaglio.
L’anno scorso hanno preso 123 mq de Mediterraneo e 83 mq de Mar Baltico… te dico solo che mi’ nonna stava pe’ infarinà e frigge er Capitan Findus, ‘sto cretino stava a passà nello spazio de mare che s’eravamo comprati, lui co’ quer  peschereccio azzurro.
C’è gente che pe’ magnà conosce i peggio trucchi… de solito a cena dopo un par de portate se slacceno la cinta… mi’ zio l’anno scorso pe’ fregà i parenti s’è presentato in tuta: così nun comprime e pò magnà de più!
Insomma, la cena scorre, se finisce de magnà ed è l’ora dei regali… In tutte la famiglie ce sta quella che vòle fa’ l’istruita, pure che ha fatto pe’ puzza la seconda elementare… e allora senti mi’ zia che dà er regalo al marito della sorella e je dice… “tieni, un bel CARDIGAN”, che mi’ zio c’aveva paura fosse un cane da riporto del Caucaso, ha aperto col terrore… poi co’ un sospiro je fa: “Ah! Un majone coi bottoni… m’ero preso ‘na paura!”.
Fiuuu! Pericolo scampato! Sempre lei è quella che fa i regali impegnati ai nipoti, viene e te fa: “Tieni, un bel libro, che la cultura è importante!”. “A zì, sarà pure importante, ma si me regali ‘I 3 MOSCHETTIERI’ che c’ho 45 anni, che cultura vòi che me faccio??!?…”.
Ma la cosa più bella, che va contro tutto quello che viene detto in televisione, so’ i regali della nonna. So’ anni che sentimo di’ che co’ l’euro tutto è aumentato: quelle che erano 5 mila lire, mo’ nella nostra mente, so’ 5 euro….. Mi’ nonna me regalava 50 mila lire prima, mo’ uno se aspetta 50 euro… e invece no!! Te se presenta co’ un pezzo da 20, un pezzo da 5 e 50, 20 e 10 centesimi… che verrebbe da daje ‘na sediata.
Mi’ nonna è la vera risposta italiana al problema euro! Poi la gente se ne va a casa, ma er peggio deve ancora da venì. Er peggio è il 25! La notte io non ce dormo… so’ teso… nervoso… I preparativi per il 25 partono dall’Immacolata. Se riuniscono le donne e se mettono a decide… che famo, che non famo… agende co’ le ricette, puntate registrate della prova del cuoco… poi alla fine se finisce sempre a magnà le stesse cose.
Te alzi la mattina, entri in cucina, e le vedi lì, manco stessero a sperimentà ‘a fusione a freddo. Appena provi a entrà te fanno “Che vòi?”… “Niente, che vojo, un bicchiere d’acqua”… “NO, mo’ aspetti…”… manco i Vietcong ereno così.
Poi pare sempre che è successo qualcosa, so’ tutte co’ la faccia disperata… Te spaventi, ce stai male e domandi: “Che è successo?”… “Lascia stà…”, “…come lascia stà? Vojo sapé! Ahò, se so’ cose della famija, c’ho il diritto de sapello”… Te guardano co’ la faccia distrutta… e te dicono “…la besciamella ha fatto i grumi…” …MA ANNATEVENE A QUER PAESE VOI E LI GRUMI!
Da 30 anni, er 25 c’ha er menu fisso… e nun solo quello. La cosa peggio che pò succede è il doppio tavolo: uno pei grandi e uno pei piccoli.
Me dava ar fastidio da ragazzino… ma adesso me fa proprio nun la sopporto proprio più… L’anno scorso se semo ritrovati al tavolo che er più piccolo c’aveva 25 anni… Gente che è annata in guera, gente co’ due divorzi…, però sempre relegata al TAVOLO DEI PICCOLI.
L’unica cosa è che da 2 anni a ‘sta parte ce danno pure li coltelli. Poi nel mentre che se magna, noti che er fratello de zio, che er 24 c’aveva la tuta, oggi s’è presentato co’ la tunica che ha fregato a un lavavetri al semaforo.
Sotto è rigorosamente nudo, che le mutande segano! E c’ha la faccia contenta. Hai capito sì che stratega, er Bonaparte del colesterolo! Er pranzo finisce, se contano i superstiti, se sparecchia, se lavano i piatti e poi… poi… se gira ‘a tovaja che da bianca diventa verde… se comincia a giocà a carte! E a che se gioca? A sette e mezzo? NO! Se gioca a BESTIA! Er gioco dell’infamità, tutti contro tutti.
Er tipico momento arriva co’ un piatto de ‘na quarantina de euri. Comanda coppe. Te c’hai er 3 secco… bussi… sei de mano te senti un leone… bussa solo tu’ nonna. Te dici… “nonna me vòle bene, m’ha cresciuto, sto tranquillo…”, cambi 2 carte. Non t’entrano altre briscole ma t’entra un carico. Un po’ de paura ce l’hai, ma ostenti sicurezza. La vecchia non deve intravedere il minimo turbamento in te, so’ come i cani… sentono si c’hai paura.
Allora parti: lanci er carico a denara. Tu’ nonna te lo magna col 2 de coppe. Cominci a sudà freddo e te dici “no, non ce lo pò avé, no, nun me pò dì così sfiga…”. E invece che fa? Cala er COPPONE… . Poi co’ lo sguardo finto dispiaciuto te dice: “Bello de nonna tua, è er gioco…”. Butti er 3 e lei non contenta butta er 5 a spade, che te c’avevi er 4. Insomma tu’ nonna t’ha mannato in bestia… ! A me m’ha fermato mi’ padre appena in tempo, je la stavo pe’ da’ ‘na lamata…
Comunque, giocando giocando se fa ora de cena e parte la domanda retorica: “Qualcuno cena?”. E c’è gente che ancora c’ha er coraggio de di’ de sì… Poi che vordì ‘sta divisione cena-pranzo-cena… Io so’ sicuro che l’anno scorso mi’ zio s’è messo a sede er 24 e s’è rialzato er 2… Ma alla fine arriva l’ora de salutasse… e la solita manfrina: “Se vedemo troppo poco. Tocca organizzà più spesso…”
Vedi tu’ nonno che se fa du’ conti e dice… “Ahò, contando che er Natale viè ‘na volta l’anno, la prossima occasione deve da èsse…”. Ed è allora che parte un sonoro “ANNATEVENE UN PO’ A QUER PAESE TUTTI QUANTI!”….Che bello er Natale in famiglia.”

(Racconto ricevuto tramite whatsapp)

screenshot_2016-11-30-13-17-53-1

12 DICEMBRE -MARIA DI GUADALUPE-LA STORIA STRAORDINARIA DELLE APPARIZIONI E DELL’IMMAGINE MIRACOLO

 

guadalupeerscheinungen_300Un giorno in cui contemplava una riproduzione dell’Immagine di Nostra Signora di Guadalupe, Papa Giovanni Paolo II fece questa confidenza: «Mi sento attirato da quest’Immagine, perché il viso è pieno di tenerezza e di semplicità; mi chiama…». Più tardi, il 6 maggio 1990, in occasione di un pellegrinaggio in Messico, il Santo Padre beatificava il messaggero di Nostra Signora, Juan Diego, e diceva: «La Vergine ha scelto Juan Diego fra i più umili, per ricevere quella manifestazione affabile e benigna che fu l’apparizione di Nostra Signora di Guadalupe. Il suo viso materno sulla santa Immagine che ci lasciò in dono ne è un ricordo imperituro». Nel secolo XVI, la Santa Vergine, piena di pietà per il popolo azteco che, vivendo nelle tenebre dell’idolatria, offriva agli idoli innumerevoli vittime umane, si è degnata di prendere in mano essa medesima l’evangelizzazione degli Indiani dell’America Centrale che erano anch’essi suoi figli. Un dio degli Aztechi, cui era attribuita la fertilità, si era trasformato, con l’andar del tempo, in dio feroce. Simbolo del sole, quel dio, in lotta permanente con la luna e le stelle, aveva bisogno – così si credeva – di sangue umano per restaurare le proprie forze, poiché, se fosse perito, la vita si sarebbe spenta. Sembrava dunque indispensabile offrigli, in perpetuo sacrificio, sempre nuove vittime.


Un’aquila su un cactus

I sacerdoti aztechi avevano profetizzato che il loro popolo nomade si sarebbe insediato nel luogo in cui si fosse mostrata un’aquila che, appollaiata su un cactus, divorasse un serpente. L’aquila figura sulla bandiera del Messico attuale. Giunti su un’isola palustre, in mezzo al lago Texcoco, gli Aztechi vedono compiersi il preannunciato presagio: un’aquila, appollaiata su un cactus, sta divorando un serpente; siamo nel 1369. Fondano quindi lì la città di Tenochtitlán, che diventerà Città del Messico. Essa si sviluppa fino a diventare una vasta città su palafitte con numerosi giardini in cui abbondano fiori, frutti e verdure. L’organizzazione progressiva del regno azteco fa di esso un impero gerarchizzato e molto strutturato. Le conoscenze dei matematici, degli astronomi, filosofi, architetti, medici, artisti ed artigiani sono molto avanzate per l’epoca. Ma le leggi fisiche rimangono poco note. La potenza e la prosperità di Tenochtitlán sono dovute soprattutto alla guerra. Le città conquistate devono pagare un tributo di derrate varie e di uomini per la guerra e per i sacrifici. I sacrifici umani e l’antropofagia degli Aztechi hanno pochi riscontri analoghi nel corso della storia.

Nel 1474, nasce un bambino cui vien dato il nome di Cuauhtlatoazin («aquila parlante»). Alla morte di suo padre, è lo zioGuadelupe4 che si incarica del piccolo. Fin dall’età di tre anni, gli si insegna, come a tutti i bambini aztechi, a partecipare ai lavori domestici ed a comportarsi dignitosamente. A scuola, impara il canto, la danza e soprattutto la religione con i suoi molteplici dèi. I sacerdoti hanno una grande influenza sulla popolazione, che mantengono in una sottomissione che va fino al terrore. Cuauhtlatoazin ha tredici anni, quando si procede alla consacrazione del gran Tempio di Tenochtitlán. Nel corso di quattro giorni, i sacerdoti sacrificano al loro dio 80.000 vittime umane. Dopo il servizio militare, Cuauhtlatoazin si sposa con una ragazza della sua condizione. Insieme, conducono una modesta vita di agricoltori.

Nel 1519, lo spagnolo Cortés sbarca nel Messico, alla testa di più di 500 soldati. Conquista il paese per conto della Spagna, ma non senza zelo per l’evangelizzazione degli Aztechi; nel 1524, ottiene la venuta a Città del Messico di dodici Francescani. I missionari s’integrano facilmente nella popolazione; la loro bontà contrasta con la durezza dei sacerdoti aztechi e con quella di certi conquistatori. Si cominciano a costruire chiese. Tuttavia, gli Indiani si mostrano assai refrattari al Battesimo, soprattutto a causa della poligamia che dovrebbero abbandonare.

Cuauhtlatoazin e sua moglie sono fra i primi a ricevere il Battesimo, ed assumono rispettivamente i nomi di Juan Diego e Maria Lucia. Alla morte di quest’ultima, nel 1529, Juan Diego si ritira a Tolpetlac, a 14 km da Città del Messico, presso lo zio Juan Bernardino, diventato pure lui cristiano.

Il 9 dicembre 1531, come sempre il sabato, egli parte prestissimo la mattina per assistere alla Messa celebrata in onore della Santa Vergine, presso i Frati francescani, vicino a Città del Messico. Passa ai piedi della collina di Tepeyac. Improvvisamente, sente un canto dolce e sonoro che gli sembra provenga da una gran moltitudine di uccelli. Alzando gli occhi verso la cima della collina, vede una nuvola bianca e sfavillante. Guarda intorno a sé e si chiede se non stia sognando. Improvvisamente il canto tace ed una voce di donna, dolce e delicata, lo chiama: «Juanito! Juan Dieguito!» S’inerpica rapidamente sulla collina e si trova davanti ad una giovane bellissima, le cui vesti brillano come il sole.

«Un tempio in cui manifesterò il mio amore»

Rivolgendosi a lui in nahuatl, la sua lingua materna, gli dice: «Figlio mio, Juanito, dove vai? – Nobile Signora, mia Regina, vado a Messa a Città del Messico per apprendervi le cose divine che ci insegna il sacerdote. – Voglio che tu sappia con certezza, caro figlio, che io sono la perfetta e sempre Vergine Maria, Madre del vero Dio da cui proviene ogni vita, il Signore di tutte le cose, Creatore del cielo e della terra. Ho un grandissimo desiderio: che si costruisca, in mio onore, un tempio in cui manifesterò il mio amore, la mia compassione e la mia protezione. Sono vostra madre, piena di pietà e d’amore per voi e per tutti coloro che mi amano, hanno fiducia in me e a me ricorrono. Ascolterò le loro lamentele e lenirò la loro afflizione e le loro sofferenze. Perché possa manifestare tutto il mio amore, va’ ora dal vescovo, a Città del Messico, e digli che ti mando da lui per fargli conoscere il grande desiderio che provo di veder costruire, qui, un tempio a me consacrato».

Juan Diego si reca immediatamente al vescovado. Monsignor Zumárraga, religioso francescano, primo vescovo di Città del Messico, è un uomo pio e pieno di zelo il cui cuore trabocca di bontà per gli Indiani; ascolta attentamente il pover’uomo, ma, temendo un’illusione, non gli dà credito. Verso sera, Juan Diego prende la via del ritorno. In cima alla collina di Tepeyac, ha la felice sorpresa di ritrovare l’Apparizione; rende conto della sua missione, poi aggiunge: «Vi supplico di affidare il vostro messaggio a qualcuno più noto e rispettato, affinché possa essere creduto. Io sono solo un modesto Indiano che avete mandato da una persona altolocata in qualità di messaggero. Perciò non sono stato creduto ed ho potuto soltanto causarvi una gran delusione. – Figlio carissimo, risponde la Signora, devi capire che vi sono persone molto più nobili cui avrei potuto affidare il mio messaggio, e tuttavia è grazie a te che il mio progetto si realizzerà. Torna domani dal vescovo… digli che sono io in persona, la Santa Vergine Maria, Madre di Dio, che ti manda».

Ciudad_Mexico_N_S_Guadalupe

La domenica mattina dopo la Messa, Juan Diego si reca dal vescovo. Il prelato gli fa molte domande, poi chiede un segno tangibile della realtà dell’apparizione. Quando Juan Diego se ne torna a casa, il vescovo lo fa seguire discretamente da due domestici. Sul ponte di Tepeyac, Juan Diego scompare ai loro occhi, e, malgrado tutte le ricerche effettuate sulla collina e nei dintorni, essi non lo ritrovano più. Furenti, dichiarano al vescovo che egli è un impostore e che non bisogna assolutamente credergli. Durante il medesimo tempo, Juan Diego riferisce alla bella Signora, che lo aspettava sulla collina, il nuovo colloquio avuto con il vescovo: «Torna domattina a prendere il segno che reclama», risponde l’Apparizione.

Rose, in pieno inverno!

Tornando a casa, l’Indiano trova lo zio malato e il giorno seguente deve rimanere al suo capezzale per curarlo. Poiché la malattia si aggrava, lo zio chiede al nipote di andare a cercare un sacerdote. All’alba, il martedì 12 dicembre, Juan Diego si avvia verso la città. Quando si avvicina alla collina di Tepeyac, giudica preferibile fare una deviazione per non incontrare la Signora. Ma, improvvisamente, la vede venirgli incontro. Tutto confuso, le espone la situazione e promette di tornare non appena avrà trovato un sacerdote per dare l’olio santo allo zio. «Figliolo caro, replica l’Apparizione, non affliggerti per la malattia di tuo zio, perché egli non morirà. Ti assicuro che guarirà… Va’ fin in cima alla collina, cogli i fiori che ci vedrai e portameli». Arrivato in cima,l’Indiano è stupefatto di trovarvi un gran numero di fiori sbocciati, rose di Castiglia, che spandono un profumo quanto mai soave. In questa stagione invernale, infatti, il freddo non lascia sussistere nulla, ed il luogo è troppo arido per permettere la coltura dei fiori. Juan Diego coglie le rose, le deposita nel mantello, o tilma, poi ridiscende dalla collina. «Figlio caro, dice la Signora, questi fiori sono il segno che darai al vescovo… Questo lo disporrà a costruire il tempio che gli ho chiesto». Juan Diego corre al vescovado.

mariaQuando arriva, i domestici lo fanno aspettare per lunghe ore. Stupiti che sia tanto paziente, e incuriositi da quel che porta nella tilma, finiscono per avvertire il vescovo, il quale, malgrado si trovi in compagnia di parecchie persone, lo fa entrare immediatamente. L’Indiano racconta la sua avventura, apre la tilma e lascia sparpagliarsi per terra i fiori ancora brillanti di rugiada. Con le lacrime agli occhi, Monsignor Zumárraga cade in ginocchio, ammirando le rose del suo paese. Ad un tratto, scorge, sulla tilma, il ritratto di Nostra Signora. Vi è Maria, come impressa sul mantello, bellissima e piena di dolcezza. I dubbi del vescovo lasciano il posto ad una solida fede e ad una speranza incantata. Prende la tilma e le rose, e le deposita rispettosamente nel suo oratorio privato. Il giorno dopo, si reca con Juan Diego sulla collina delle apparizioni. Dopo aver esaminato i luoghi, lascia che il veggente torni dallo zio. Juan Bernardino è effettivamente guarito. La guarigione si è prodotta all’ora stessa in cui Nostra Signora appariva a suo nipote. Racconta: «L’ho vista anch’io. È venuta proprio qui e mi ha parlato. Vuole che le si eriga un tempio sulla collina di Tepeyac e che si chiami il suo ritratto «Santa Maria di Guadalupe». Ma non mi ha spiegato perché». Il nome di Guadalupe è ben noto agli Spagnoli, poiché esiste nel loro paese un antichissimo santuario consacrato a Nostra Signora di Guadalupe.

La notizia del miracolo si sparge rapidamente; in poco tempo, Juan Diego diventa popolare: «Accrescerò la tua fama», gli aveva detto Maria; ma l’Indiano rimane sempre altrettanto umile. Per facilitare la contemplazione dell’Immagine, Monsignor Zumárraga fa trasportare la tilma nella cattedrale. Poi intraprende la costruzione di una chiesetta e di un eremo, per Juan Diego, sulla collina delle apparizioni. Il 25 dicembre seguente, il vescovo consacra la cattedrale alla Santissima Vergine, al fine di ringraziarla per i favori insigni di cui Ella ha ricolmato la diocesi; poi, in una magnifica processione, l’Immagine miracolosa viene portata verso il santuario di Tepeyac, che è appena stato ultimato. Per manifestare la loro gioia, gli Indiani tirano frecce. Una di esse, lanciata senza precauzioni, trafigge la gola di uno dei presenti che cade a terra, ferito mortalmente. Subentra un silenzio impressionante ed una supplica intensa sale verso la Madre di Dio. Improvvisamente, il ferito, che è stato depositato ai piedi dell’Immagine miracolosa, riprende i sensi e si rialza, pieno di vigore. L’entusiasmo della folla è al colmo.

Milioni d’Indiani diventati Cristiani

Juan Diego si sistema nel piccolo eremo e veglia alla manutenzione ed alla pulizia del luogo. La sua vita rimane molto modesta: coltiva con cura un campo messo a sua disposizione presso il santuario. Riceve i pellegrini, sempre più numerosi, parlando loro con molto piacere della Santa Vergine e raccontando senza stancarsi i particolari delle apparizioni. Gli vengono affidate intenzioni di preghiere di ogni genere. Ascolta, compatisce, conforta. Passa una gran parte del suo tempo libero in contemplazione davanti all’immagine della sua Signora; i suoi progressi sulla via della santità sono rapidi. Un giorno dopo l’altro, compie la sua missione di testimone, fino alla morte che avverrà il 9 dicembre 1548, diciassette anni dopo la prima apparizione.

Quando gli Indiani appresero la notizia delle apparizioni di Nostra Signora, si sparsero fra loro un entusiasmo ed una gioia indicibili. Rinunciando agli idoli, alle superstizioni, ai sacrifici umani ed alla poligamia, molti chiesero il Battesimo. Nei nove anni che seguirono le apparizioni, nove milioni di loro furono convertiti alla fede cristiana, vale a dire 3000 al giorno!

I particolari dell’Immagine di Maria colpiscono profondamente gli Indiani: quella donna è più grande del “dio-sole”, poiché appare in piedi davanti al sole; supera il “dio-luna”, poiché tiene la luna sotto ai suoi piedi; non è più di questo mondo, poiché è circondata di nuvole ed è tenuta al di sopra del mondo da un angelo; le mani giunte la mostrano in preghiera, il che significa che c’è qualcuno di più grande di lei…

Ma, ancora oggi, il mistero dell’Immagine miracolosa è grande. La tilma, vasto grembiule tessuto a mano con fibre di cactus, porta l’Immagine sacra di un’altezza di 1,43 m. Il viso della Vergine è perfettamente ovale e di un color grigio che tende al rosa. Gli occhi hanno un’intensa espressione di purezza e di dolcezza. La bocca sembra sorridere. La bellissima faccia, simile a quella di un’Indiana meticcia, è incorniciata da una chioma nera che, vista da vicino, comporta capelli di seta. Un’ampia tunica, di un rosa incarnato che non si è mai potuto riprodurre, la copre fino ai piedi. Il mantello, azzurro-verde, è bordato di un gallone d’oro e cosparso di stelle. Un sole di vari toni forma uno sfondo magnifico in cui brillano raggi d’oro.

La conservazione della tilma, dal 1531 ad oggi, rimane inspiegabile. In capo a più di quattro secoli, la stoffa, di qualità mediocre, conserva la stessa freschezza, la stessa vivacità di toni che aveva in origine. In confronto, una copia dell’Immagine di Nostra Signora di Guadalupe, dipinta con gran cura nel secolo XVIII e conservata nelle stesse condizioni climatiche di quella di Juan Diego, si è completamente degradata in pochi anni. All’inizio del secolo XX, periodo doloroso di rivoluzioni per il Messico, una carica di dinamite fu depositata da miscredenti sotto l’Immagine, in un vaso pieno di fiori. L’esplosione ha distrutto i gradini di marmo dell’altare maggiore, i candelabri, tutti i portafiori; il marmo dell’altare fu fatto a pezzi, il Cristo di ottone del tabernacolo si piegò in due. I vetri della maggior parte delle case circostanti la basilica si ruppero, ma quello che proteggeva l’Immagine non fu nemmeno incrinato; l’Immagine rimase intatta.

Le proprietà straordinarie dell’immagine

Nel 1936, uno studio realizzato su due fibre della tilma, una rossa ed una gialla, giunse a conclusioni stupefacenti.20090601-Detail_2

Le fibre non contengono nessun colorante noto. L’oftalmologia e l’ottica confermano la natura inspiegabile dell’immagine: essa assomiglia ad una diapositiva proiettata sul tessuto. Un esame approfondito mostra che non vi è nessuna traccia di disegno o di schizzo sotto il colore, anche se ritocchi perfettamente riconoscibili sono stati realizzati sull’originale, ritocchi che, del resto, si degradano con l’andar del tempo; inoltre, il supporto non ha ricevuto nessun appretto, il che sembrerebbe inspiegabile se si trattasse veramente di una pittura, poiché, anche su una tela più fine, si mette sempre un rivestimento, non fosse che per evitare che la tela assorba la pittura e che i fili affiorino alla superficie. Non si distingue nessuna pennellata. A seguito di un esame a raggi infrarossi, effettuato il 7 maggio 1979, un professore della NASA scrive: «Non c’è nessun modo di spiegare la qualità dei pigmenti utilizzati per la veste rosa, il velo azzurro, il volto e le mani, né la persistenza dei colori, né la freschezza dei pigmenti in capo a parecchi secoli durante i quali avrebbero dovuto normalmente degradarsi… L’esame dell’Immagine è stata l’esperienza più sconvolgente della mia vita».

Certi astronomi hanno constatato che tutte le costellazioni presenti nel cielo nel momento in cui Juan Diego apre la tilma davanti al vescovo Zumárraga, il 12 dicembre 1531, si trovano al loro posto sul mantello di Maria. Si è anche scoperto che, applicando una carta topografica del Messico centrale sulla veste della Vergine, le montagne, i fiumi ed i laghi principali coincidono con l’ornamentazione della veste medesima.

Esami oftalmologici giungono alla conclusione che l’occhio di Maria è un occhio umano che sembra vivo, ivi inclusa la retina in cui si riflette l’immagine di un uomo con le mani aperte: Juan Diego. L’immagine nell’occhio ubbidisce alle leggi note dell’ottica, in particolare a quella che afferma che un oggetto in piena luce può riflettersi tre volte nell’occhio (legge di Purkinje-Samson). Uno studio posteriore ha permesso di scoprire nell’occhio, oltre al veggente, Monsignor Zumárraga e parecchi altri personaggi, presenti quando l’immagine di Nostra Signora è apparsa sulla tilma. Infine, la rete venosa normale microscopica sulle palpebre e la cornea degli occhi della Vergine è perfettamente riconoscibile. Nessun pittore umano avrebbe potuto riprodurre simili particolari.

Una donna incinta di tre mesi

Misure ginecologiche hanno stabilito che la Vergine dell’Immagine ha le dimensioni fisiche di una donna incinta di tre mesi. Sotto la cintura che trattiene la veste, al posto stesso dell’embrione, spicca un fiore con quattro petali: il Fiore solare, il più familiare dei geroglifici degli Aztechi che simboleggia per loro la divinità, il centro del mondo, del cielo, del tempo e dello spazio. Dal collo della Vergine pende una spilla il cui centro è adorno di una piccola croce, che ricorda la morte di Cristo sulla Croce per la salvezza di tutti gli uomini. Vari altri particolari dell’Immagine di Maria fanno di essa uno straordinario documento per la nostra epoca, che li può constatare grazie alle tecniche moderne.

Così la scienza, che ha spesso servito quale pretesto per l’incredulità, oggi ci aiuta a mettere in evidenza segni che erano rimasti sconosciuti per secoli e secoli e che non può spiegare. L’immagine di Nostra Signora di Guadalupe porta un messaggio di evangelizzazione: la Basilica di Città del Messico è un centro «dal quale scorre un fiume di luce del Vangelo di Cristo, che si diffonde su tutta la terra attraverso l’Immagine misericordiosa di Maria» (Giovanni Paolo II, 12 dicembre 1981).

Inoltre, con il suo intervento in favore del popolo azteco, la Vergine ha contribuito alla salvezza di innumerevoli vite umane, ela sua gravidanza può esser interpretata come un appello speciale in favore dei nascituri e della difesa della vita umana; tale appello è di grande attualità ai giorni nostri, in cui si moltiplicano e si aggravano le minacce contro la vita delle persone e dei popoli, soprattutto quando si tratta di una vita debole ed inerme. Il Concilio Vaticano II ha deplorato con forza i crimini contro la vita umana: “Tutto ciò che è contro la vita stessa, come ogni specie di omicidio, il genocidio, l’aborto, l’eutanasia e lo stesso suicidio volontario, TUTTO CIÒ CHE VIOLA L’INTEGRITÀ’ DELLA PERSONA UMANA… (…); tutte queste cose, e altre simili, sono certamente VERGOGNOSE. Mentre GUASTANO LA CIVILTÀ UMANA, disonorano coloro che così si comportano più ancora che quelli che le subiscono e ledono grandemente l’onore del Creatore” (Gaudium et Spes, n.27).

Di fronte a tali flagelli, che si sviluppano grazie ai progressi scientifici e tecnici, e che beneficiano di un ampio consenso sociale e di riconoscimenti legali, invochiamo Maria con fiducia. Essa è un «modello incomparabile di accoglienza della vita e di sollecitudine per la vita… Mostrandoci suo Figlio, ci assicura che in Lui le forze della morte sono già state vinte» (Giovanni Paolo II,Evangelium vitæ, 25 marzo 1995, nn. 102, 105). «In gigantesco duello si sono battute la morte e la vita. Il Signore della vita, già morto, ora vive e regna» (Sequenza di Pasqua).

Domandiamo a San Juan Diego, canonizzato da Papa Giovanni Paolo II il 31 luglio 2002, di ispirarci una vera devozione per la nostra Madre Celeste, poiché «la compassione di Maria si estende a tutti coloro che la chiedono, non fosse che con un semplice saluto: “Ave, Maria…”» (Sant’Alfonso de Liguori). Lei, che è Madre di Misericordia, ci otterrà la Misericordia di Dio, specialmente se saremo caduti in peccati gravi.

Dom Antoine Marie OSB

Abbazia Saint-Joseph de Clairval

Articolo tratto dal seguente sito;

Santa Maria di Guadalupe – 12 Dicembre